LATTE NOBILE: NOBILE PER ORIGINE


Progetti

LogoAssAgricoltura nobilat Logo aria di molise

Leggi tutto...

IL PREZZO DEL LATTE NOBILE: ART.4
“Il prezzo pattuito è di €. 0,60 (sessanta centesimi) al litro franco stalla. Tale prezzo si intende provvisorio salvo diversa decisione dell’Anfosc. Il prezzo del latte Nobile viene stabilito in funzione della qualità dei fieni. In attesa della prossima fienagione, il prezzo viene stabilito in 0.60 cent/litro a prescindere dalla valutazione dei fieni che ne farà la Commissione dell’Anfosc. Con la prossima stagione foraggera, il prezzo potrà oscillare da 0.58 a 0.62 in funzione della qualità dei fieni e secondo il regolamento definito dall’Anfosc. Qualora l’Anfosc dovesse ritenere che la qualità dei fieni non raggiunge il minimo del punteggio per poter essere ammesso all’alimentazione delle vacche, l’allevatore o procede all’introduzione di fieni ritenuti dall’Anfosc ammissibili, oppure il contratto si intende rescisso entro 30 giorni.”

mucca e bicchiere

italia oggi occhio

UN "NOBILE" EVENTO !

de matteis 2di Adriano Gallevi

I PRIMI 3 “NOBILI” ALLEVATORI DEL PRESIDIO SLOW FOOD, FIRMANO L’ALTRETTANTO “NOBILE” CONTRATTO-LATTE “MODELLO ANFoSC

 Tre allevatori di Castelpagano –De Matteis Santina, Maselli Donato e Miraglia Antonio- operanti nel territorio del Presidio Slow-food, hanno firmato per primi, alla presenza di un rappresentante dell’ANFoSC, un contratto che regola il diretto rapporto tra produttore e acquirente di latte e cioè “La Compagnia della Qualità. Il contratto, fortemente voluto e messo a punto da Anfosc e che ha trovato pienamente d’accordo l’acquirente, è sicuramente rivoluzionario e getta una pietra miliare nei rapporti tra produttori ed utilizzatori del latte. Dopo la fine del Progetto Nobilat e sulla base dell’esperienza accumulata durante questi anni utilizzati a mettere a punto i giusti parametri qualitativi (rapporto omega6/omega3 e GPA –Grado di Protezione Antiossidante) e che, fino a ieri, sono serviti per dare un giusto valore commerciale (prezzo) al latte prodotto/venduto, l’Anfosc si è resa conto che occorreva fare un altro passo avanti sulla strada della maggiore valorizzazione commerciale che premiasse gli sforzi di quegli allevatori che si sforzano per produrre foraggi di “qualità”. Il contratto prevede infatti che l’allevatore, dopo aver richiesto all’Anfosc di mettere l’azienda sotto controllo per verificarne l’idoneità a produrre Latte Nobile ed averne ottenuto l’abilitazione, comunichi ad essa a chi intende vendere il latte. Scarica il contratto tipo 

Leggi tutto...

La rivoluzione continua: controlli più mirati e pagamento del latte in funzione della qualità

di Roberto Rubino Presidente Anfosc

RubinoIeri sera, domenica 14 dicembre, la Gabbanelli ha presentato a Report un servizio sul riso biologico. Dopo tanti annunci nel corso della settimana, “tanto tuonò che non piovve”. Per la prima volta da quando vedo Report non mi sono appassionato, ho capito ben poco di quello che si è detto, non ho ricevuto informazioni tali da potermi fare un’idea sulla situazione del riso biologico. E questo non per colpa del giornalista ma perché l’intera filiera, non solo del riso ma direi dell’agroalimentare non ha ancora ben chiaro che o trova parametri idonei e mirati da controllare oppure non si va da nessuna parte. Che senso ha, nel riso, controllare solo l’uso di diserbanti(basterebbe controllare le fatture di acquisto, senza bisogno di fare analisi) e non invece le differenze nel valore nutrizionale fra riso biologico e riso non biologico? Mi convinco sempre di più che o le strutture di controllo mettono a punto protocolli di monitoraggio centrati su pochi ma solidi parametri, oppure è tutto un lavoro inutile, direi Kafkiano.

Leggi tutto...

 Il sentiero della qualità è stato aperto dal Latte Nobile.  Benvenuta

 download

 di Roberto Rubino  

Gran parte dei giornali di giovedì 27 novembre ha dato molto risalto, spesso in prima pagina, alla notizia che la COCA COLA  a breve metterà in vendita il Superlatte.Naturalmente la stampa generalista si è limitata a informare noi consumatori onnivori e teledipendenti che sul mercato mondiale una ditta che finora si è occupata di offrire al mondo una bibita fra le più controverse e acquistate, un prodotto nuovo che è l’esatto contrario di quello finora offerto. Tutti i denigratori hanno raccontato verità e leggende sugli effetti negativi della Coca Cola, e oggi la stessa azienda ci dice che metterà in vendita, a livello mondiale, un latte di migliore qualità, senza lattosio, meno zuccherie con una quantità più elevata, il doppio, di proteine. E che, per questo, costerà il doppio. 

Leggi tutto...

produttore latte nobile
Yogurt Latte Nobile

LA TAVERNA DELLA CULTURA

By on 22 dicembre 2014

style=”padding-top:0px;
padding-right:0px;
padding-bottom:0px;
padding-left:0px;
margin-top:0px;
margin-right:0px;
margin-bottom:0px;
margin-left:0px;
“>
di Adriano Gallevi

Proseguendo nel suo percorso Cultural… Culinario,  la Taverna, il tipico ristorante di Santa Chiara gestito da La Compagnia della Qualità, ci ha offerto l’altra sera un altro piacevole evento.  Come annunciato, si festeggiava l’arrivo, in pieno clima natalizio, non di uno, ma di cinque “bambinelli” e cioè i gemelli eterozigoti Carditello, Crisomelon, Federicolosvevo, Madrigale e Vesuviana.

Fuor di metafora, Gianfranco Nappi, fantasista del Latte Nobile e non solo, ci ha ancora stupito e deliziato offrendo alla nostra degustazione la realizzazione delle sue Fantasie: gli yogurt Nobili napoletani. Le Fantasie, però, restano fantasie se non ci fossero, a concretizzarle, altri fantastici artisti.

Nel caso specifico, questi artisti rispondono al nome di Pietro Parisi, Nino Cannavale, Stella Maccanico e Rino Rinedda. I primi due, grandi chef, hanno creato le marmellate e le composte  che, con il miele di Stella, hanno aggiunto note sublimi al già buono e nobile yogurt.

Ecco, quindi, dove finisce la culinaria ed entra la Cultura, la storia, il territorio perchè, con riferimento ai 5 gemelli ed a quanto contengono:

  • Carditello è la Reggia voluta dai Borboni in una zona agricola famosa un tempo per il vino/mosto d’Asprino di alberata di Aversa;
  • Crisomelon, attinge il suo nome a quella che, dialettalmente, è chiamata l’albicocca e cioè ‘a crisommela;
  • Federicolosvevo, altro re passato per Napoli, sposa il latte fatto yogurt con la malvasia ed il cappero di Salina;
  • Madrigale, per il raffinato miele.
  • Vesuviana, per i gelsi neri che vengono raccolti alle falde del vesuvio;

Ma la Cultura non finisce qui in quanto a deliziare gli occhi, oltrechè il palato, ci ha pensato  il giovane artista napoletano Rino Rinedda che ha “pennellato” un pakaging” quanto mai accattivante, al limite del collezionismo.

Ed intorno a questi 5 panciuti bambinelli, poteva mancare l’allegria e la musica? No certamente, perchè il bravo musicista napoletano Dario Carandente con la sua chitarra ha ripescato vecchie canzoni napoletane tra cui l’intramontabile “tamburriata”: “è nato nu criaturo, è natu niro”, dice la canzone; noi diciamo invece: “so nati 5 criaturi, so nati bianchi!”….e, credete a me, sono piaciuti a tutti quanti!

Dematteis 1

UN “NOBILE” EVENTO!

By on 21 dicembre 2014

di Adriano Gallevi I PRIMI 3 “NOBILI” ALLEVATORI DEL PRESIDIO SLOW FOOD, FIRMANO L’ALTRETTANTO “NOBILE” CONTRATTO-LATTE “MODELLO ANFoSC”  Tre allevatori di Castelpagano –De Matteis Santina, Maselli Donato e Miraglia Antonio- operanti nel territorio del Presidio Slow-food, hanno firmato per primi,

2014 165

La rivoluzione continua: controlli più mirati e pagamento del latte in funzione della qualità

By on 16 dicembre 2014

di Roberto Rubino – Presidente Anfosc Ieri sera, domenica 14 dicembre, la Gabbanelli ha presentato a Report un servizio sul riso biologico. Dopo tanti annunci nel corso della settimana, “tanto tuonò che non piovve”. Per la prima volta da quando

testata Yogurt

LA NUOVA LINEA DI YOGURT DA LATTE NOBILE REALIZZATI CON GLI CHEF

By on 11 dicembre 2014

Dal 18 dicembre è in distribuzione la nuova linea di yogurt da Latte Nobile proposti da La Compagnia della Qualità. La nuova linea  si affianca a quella delle belle bottigliette in plastica con yogurt bianco e alla frutta, buonissimo da

LOGO_DISAFA_COLORE_

Il Latte Nobile si prepara allo sbarco in terra sabauda: incontro tra produttori, tecnici, Anfosc e SlowFood

By on 1 dicembre 2014

di Giampiero Lombardi & Simone Ravetto Dopo l’avvio decisamente positivo della produzione di Latte Nobile da parte dell’Azienda Agricola Masera di Villastellone (TO), in Piemonte si cominciano a porre le basi per una produzione su più vasta scala, senza ovviamente